ANIMALI in ORIENTE


animali, avventura zaino in spalla, Malesia, thailandia / domenica, dicembre 17th, 2017

Animali in Oriente-Bazzicando l’Oriente realizzerete quasi subito che il contatto con gli animali , grandi e piccoli, belli e orribili, simpatici e fastidiosi, è inevitabile.Non si tratta di un’esperienza che dovrete per forza andarvi a cercare, sarà lei, spesso e volentieri, a trovare voi. Ma proprio per questo motivo credo sia assolutamente doveroso fare una distinzione tra cosa fare e cosa evitare . Questo perché la mia coscienza naturalista mi impone di fare il mea culpa per almeno un paio di avventure che ho volutamente cercato ma che , a mente fredda, mi sono resa conto che avrei dovuto evitare per non considerarmi complice del loro sfruttamento e spesso maltrattamento. A mia discolpa posso dire che il contatto con animali che spesso vediamo solo nei documentari è una calamita fortissima che rischia di offuscare la ragione e non ci fa soppesare correttamente cosa si nasconde dietro tale esperienza. Per fare un esempio comprensibile a tutti è un pò come quando da bambini ti portano al circo e li per li ti sembra tutto fantastico , poi cresci e realizzi cosa si nasconde dietro, cosa devono subire  quei poveri animali per farti divertire.Ecco, in Oriente molte delle esperienze che vengono organizzate appositamente per i turisti nascondono la stessa brutta verità…ma non disperate, poterete essere attori del documentario senza nuocere a nessuno, anzi, fate attenzione a non nuocere a voi stessi!

E allora….chi non ha mai sognato di salire in groppa a un enorme elefante. Bhe , qui vi sembrerà una delle cose più naturali del mondo perché in ogni dove vi verrà proposto un “elephant trekking”. Vi porteranno in una sorta di oasi dove gli elefanti vi sembreranno a loro agio e in totale sintonia con i loro “amici” umani…

Guardate meglio, spesso gli elefanti sono legati con delle catene e i loro guardiani (ecco, questa è la definizione giusta ) sono armati di grossi strumenti in legno e ferro a punta allo scopo di farli ubbidire ai loro comandi. Spesso gli elefanti portano sul corpo i segni di un qualche tentativo di disubbidienza ma l’emozione di entrare in contatto con loro vi annebbierà il giudizio.

 

 

Vogliamo parlare dei serpenti?…so che qualcuno dirà “no” , e invece voglio parlarvi proprio di loro perché anche le “snake farm” proliferano ovunque e anche in questo caso siamo caduti inconsapevolmente nel tranello.Chi non ha dimestichezza con questi esseri striscianti penserà che una teca riscaldata e un topino alla settimana sia tutto ciò di cui hanno bisogno e , invece, anche loro meriterebbero una vita in libertà.Nelle snake farm potrete toccarli, fotografarli e assistere a  show di ogni genere. Spesso nello stesso luogo troverete i coccodrilli in putride pozze sovraffollate, aracnidi   e scimmiette imprigionate in anguste e sudice gabbie.

 

 

Quindi , chiederete voi, dobbiamo rinunciare e continuare a guardare solo i documentari?

No, per fortuna esistono luoghi  dove si prendono cura degli animali , luoghi in cui poterete vederli in libertà e altri dove saranno loro a venirvi a cercare…vediamone alcuni.

Torniamo agli enormi elefanti. Esistono luoghi come l’  Elephant Nature Park   nel nord della Thailandia, nei pressi di Chiang Mai , dove si prendono cura dei pachidermi vittime di incidenti e dopo averli curati li riabilitano e reinseriscono, per quanto possibile nel loro ambiente naturale.La differenza fondamentale di questo parco rispetto agli Elephant Trekking è che non cavalcherete nessun esemplare ma in punta di piedi gli starete accanto nella loro quotidianità, sarete voi a seguire loro e non loro a essere manovrati per voi.

Abbiamo parlato dei rettili.Esiste qualcosa di simile anche per loro , si trova a Bangkok ed è il Red Cross Snake Farm dove oltre a prendersi cura dei rettili , usano il loro veleno per creare gli antidoti e insegnano a chi visita questo sito (in particolar  modo i bambini delle scuole) a come comportarsi nel caso in cui si dovessero trovare di fronte a qualche serpentaccio arrabbiato . Questo è un esempio molto ben organizzato di snake farm “educativa” ma in giro ne esistono anche di più rudimentali.Ci è capitato , ad esempio, di trovarci sull’isola di Kho Lanta ( Thailandia) a passare un pomeriggio con un pittoresco stanatore di serpenti, un signore che viene chiamato in soccorso quando un serpente “sbaglia strada” e si infila in qualche luogo abitato dall’uomo. Lui , dopo aver catturato il malcapitato, lo porta sul terreno vicino alla sua dimora e organizza delle esibizioni in cui mostra le reazioni che un rettile può avere quando entra in contatto con l’uomo e , di conseguenza, comel’essere umano dovrebbe comportarsi.

 

 

E le scimmie? Anche loro esercitano un potere attrattivo fortissimo e, come precedentemente detto, spesso capita di vederle in gabbia o incatenate per la zampina costrette a fare avanti indietro sulla spiaggia con il loro padrone per farsi fotografare dai turisti  . Evitate queste spiacevoli esperienze , troverete le scimmie in ogni dove…anzi , saranno loro a trovare voi, vi cercheranno e tenteranno di derubarvi di qualunque cosa . Fate attenzione ai borseggi ma anche ai denti perché vi verrà spontaneo allungare la mano per dargli una banana ma  mordono! E allora provate a entrare nel loro mondo. Se non siete tipi da Avventura nel Borneo , provate con la Sacred Monkey Forest a Bali. Qui sarete ospiti a casa loro quindi entrate in punta di piedi e con gli occhi aperti, non ve ne pentirete.Oppure potreste visitare il Sepilok Orangutan Rehabilitation Centre in Malesia dove si prendono cura degli Oranghi vittime di incidenti stradali o dei piccoli rimasti senza la mamma.Una volta curati vengono reintegrati gradualmente nel loro ambiente naturale … o quel che ne resta a causa della deforestazione .

 

Questi sono solo alcuni esempi di contatto uomo- animale che potrete sperimentare in Oriente perché qui l’uomo e l’animale spesso condividono gli stessi spazi, a volte pacificamente , a volte vince il più forte.Se amate gli animali non rimarrete delusi , se odiate insetti a affini tipo questi o questi oppure questi…andate in Islanda.

 

…STAY TUNED…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *